2030. L’innovazione è in Agenda
2030. L’innovazione è in Agenda
Sponsor

Montemurro (PZ) - Sono l’innovazione e la sostenibilità i temi che caratterizzeranno l’evento dal titolo “2030. L’innovazione è in agenda” che si svolgerà a Montemurro mercoledì 20 ottobre.

Misurare la sostenibilità dei territori attraverso i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 per supportare imprese e istituzioni nelle scelte e offrire alle comunità la possibilità di partecipare e scegliere; è questo il principale fine del progetto GOAL 2030, realizzato da Fondazione Appennino e The Data Appeal Company, e rientrato nelle 44 buone pratiche del rapporto ASviS nel 2020.

Advertisement

La sperimentazione testata in Val d’Agri è stata realizzata nell’ambito del finanziamento della misura 6.2 del programma PSR Feasr della Regione Basilicata.

Nell’analisi della sostenibilità dei territori giocano un ruolo fondamentale le attività agricole e le opportunità che potranno venire dalla transizione digitale ed ecologica, ragione per cui l’evento del 20 ottobre è stato promosso insieme alla CIA Basilicata. Inoltre l’appuntamento rientra negli eventi dell’edizione 2021 del Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da ASviS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile di cui Fondazione Appennino e Cia Agricoltori Italiani fanno parte.

“GOAL 2030 è un progetto che abbiamo avuto già modo di presentare – commenta Piero Lacorazza, direttore di Fondazione Appennino - al Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale quando rientrò nelle 44 buone pratiche ASviS ma che oggi comincia ad entrare nel concreto e produrre i primi risultati.

La conoscenza dei dati sull’andamento degli indicatori relativi ai 17 Sdgs dell’Agenda 2030 è un patrimonio utilissimo per orientare scelte e destinare risorse pubbliche e private. Le aree interne, ma non solo, vanno sostenute con azioni mirate e utili a guidare un percorso verso lo sviluppo sostenibile che ancora oggi stenta a decollare ma che può invece avviarsi con il passo giusto, conoscendo rischi e opportunità in ogni territorio.

È un primo segnale che la stessa Data Appeal Company ha voluto inserire un premio sulla reputazione delle aree interne all’interno delle categorie dell’IDD Italia Destinazione Digitale, un premio a cui Fondazione Appennino si è resa disponibile alla collaborazione attestando come l’innovazione e la sostenibilità debbano camminare a braccetto verso il 2030. È in questo contesto il ruolo dell’agricoltura è fondamentale anche nel cogliere l’opportunità della transizione digitale ed ecologica.”

“Un percorso progettuale che rientra all’interno dell’azione divulgativa e di formazione che la Cia ha da tempo attivato – afferma Donato Di Stefano, direttore Cia Basilicata - sui temi di grande attualità che riguardano la transizione ecologica, digitale e quella energetica degli Agricoltori Italiani. Abbiamo un duplice obiettivo: oltre quello di consulenziare e affiancare le imprese agricole in questo straordinario e impegnativo processo, da una parte nel dialogo e nel confronto con le Istituzioni, per garantire a tutte le aziende agricole in particolare delle aree interne i nuovi ritrovati qualche diventano una moderne soluzioni e opportunità passando per le infrastrutture digitali necessarie ad introdurre moderne tecnologie, per riposizionare il settore e renderlo più competitivo, dall’altro aggiungendo a questo un altro tema che attiene alla democrazia digitale e il governo delle risorse sia del PNRR che quelle naturali per una effettiva crescita diffusa e sostenibile.

Per tali ragioni dobbiamo attenzionare tutto quanto contenuto nel PNRR e le risorse per la sostenibilità vadano effettivamente al settore agricolo anche per vincere insieme da un lato la sfida dei cambiamenti climatici e dall’altro la sfida della coesione dei territori rurali e delle aree interne che significa anche sostenibilità sociale e demografica. Questa è la nuova frontiera di una Organizzazione agricola che guarda in prospettiva e lavora per consolidare competitività e crescita produttiva sostenibile, un ruolo di orientamento e consulenza in grado di posizionare a fattore comune conoscenze, competenze e innovazione con la necessaria interlocuzione con le Istituzioni, il mondo della ricerca, quella del credito e le autonomie locali”.

Oltre ai rappresentati di Fondazione Appennino e Cia Agricoltori Italiani di Basilicata e Umbria, parteciperanno i rappresentanti di CIA Umbria, di Agricolus Srl, Fondazione Quadrans, Foodchain Spa e Distretto Agrumi di Sicilia.

L’evento si avvale del patrocinio del Comune di Montemurro e del contributo di Fondazione Carical.

Il programma:

EX CONVENTO SAN DOMENICO

Ore 15.00 – Apertura lavori

Saluti Sindaco di Montemurro Senatro Di Leo

Ore 15.10

Presentazione progetto Goal 2030

Misurare la sostenibilità nei territori

Intervengono

Piero Lacorazza – Fondazione Appennino

Mario Romanelli – The Data Appeal Company

Ore 16.00 – Tavola rotonda con i produttori dei 7 comparti produttivi

Agricoltura 2030. Transizione ecologica e digitale

Intervengono

Donato Di Stefano – Cia Agricoltori Basilicata

Matteo Bartolini – Cia Agricoltori Umbria

Andrea Cruciani e Camilla Bizzarri – Agricolus Srl

Marco Vitale e Danila GuidaFoodchain Spa

Federica Argentati – Distretto Agrumi di Sicilia

Conclusioni

NB. L’evento si svolgerà nel rispetto delle normative anti-Covid. L’accesso sarà consentito solo previa esibizione di green pass valido.

Fondazione Appennino

www.appenninofondazione.it

Sponsor
Articolo precedenteAssociazione Nazionale Carabinieri. Sezione “Maresciallo Maggiore Flavio Salacone”. Medaglia d’Oro al Merito Civile
Articolo successivoGli operatori turistici di Maratea si riuniscono
Ha collaborato negli anni 80 con alcuni quotidiani modenesi giornalista e responsabile della pubblicità della cooperativa Editoriale Emilia, appassionato di informatica fonda il sito Lucani in Europa nel 2005. Vive a Castelfranco Emilia ma nato a Stigliano (MT).