don uva1
don uva1

S.Arcangelo (PZ) – A 40 anni dalla istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, conquista irrinunciabile per tutti i cittadini ai quali assicura assistenza indipendentemente dalle loro possibilità economiche, le recenti valutazioni sui LEA(Livelli Essenziali di Assistenza) basate su indicatori tests in 3 distinte aree di assistenza: ospedaliera, distrettuale e prevenzione, mostra dati discordanti per l’intero stivale. Solo 9 regioni su 21 superano, al momento, la sufficienza ed il 60% di quelle che non riescono a raggiungerla(tra cui la Basilicata) è legato alla carenza soprattutto di assistenza territoriale e di prevenzione.

sanitàMolto criticato per numerose inadempienze possiamo chiederci se a 40 anni dalla nascita continua il servizio sanitario a tutelare i principii fondamentali: universalità, uguaglianza ed equità.

Il continuo sottofinanziamento testimonia come l’universalismo del diritto alla salute si stia disgregando e sia ormai legato al CAP di residenza.

In Liguria (M.POERIO Azione Sanitaria) un’ ambulanza interviene mediamente dopo 13 minuti in Basilicata dopo 27 minuti(18 minuti per un intervento efficiente in emergenza).
La salute è uguale per tutti, dice la Costituzione, per cui sarebbe indispensabile una modifica dell’Art 117 che parla di tutela della salute e che dovrebbe prevedere l’obbligatorietà dell’intervento dello Stato quando la regione non funziona

Il divario circa l’assistenza sanitaria fra le regioni dal 2005 al 2016 non è migliorato, ma addirittura peggiorato, ed è indispensabile una divisione del fondo sanitario più coerente con i bisogni reali di salute della popolazione.

L’universalismo e l’equità di accesso alle cure volute dalla legge 833/78 è stato smantellato nel Febbraio 2018 dall’accordo sulla autonomia differenziata con alcune regioni(sono 7 quelle con buona assistenza sanitaria che premono).Piuttosto che innalzare barriere la Conferenza Stato Regioni prendesse provvedimenti finalizzati a migliorare la qualità delle cure,lasciando la libertà ai malati di farsi curare dove le competenze sono più elevate.