Atella (PZ) - I Laghi di Monticchio sono interessati da un degrado, mai visto, anche dopo la pandemia. Il consigliere comunale di Atella,Vito Amato del gruppo consiliare “Italia Viva” ha inviato una lettera al Commissario dell'Ente Parco del Vulture Dott. Francesco Ricciardi, All'assessore regionale all'Agricoltura, Dott. Francesco Fanelli, All'assessore regionale all'Ambiente Dott.Gianni Rosa, Al sindaco di Atella, Dott. Gerardo Petruzzelli, Al sindaco di Rionero in Vulture, Dott. Luigi Di Toro, Al sindaco di Melfi Dott. Livio Valvano, Al Presidente del Consorzio Bonifica Dott. Giuseppe Musacchio, Al presidente della Provincia di Potenza Dott. Rocco Guarino, perché pongano attenzione ai questi laghi tutto l’anno. Ecco il contenuto di questa missiva: “ Richiesta apertura cantieri forestali per cura e manutenzione area Laghi di Monticchio per tutto il periodo dell'anno.

I laghi di Monticchio sono un grande patrimonio ambientale, naturalistico e faunistico dell'intera regione Basilicata che purtroppo da possibile attrattore turistico per il lucano e non solo per svariate ragioni non riesce ancora ad esprime le sue reali potenzialità. Una delle cause delle difficoltà è quella dell'incuria a cui per diversi mesi all'anno tutto il territorio è destinato. In particolare nei mesi invernali e primaverili sia sui cigli delle strade che sui percorsi interni si crea la presenza di tronchi spezzati, piante divelte, ammassi di fango e detriti nelle cunette prospicente le strade che oltre al poco decoro dell'area rappresentano un reale e concreto pericolo per l'incolumità pubblica.

Per questo chiediamo agli enti preposti e interessati al territorio su cu insistono i Laghi di Monticchio di attivarsi con ogni mezzo e provveda per garantire sull'intera area una manutenzione continua nell'intero anno e quindi anche tra gennaio e maggio attraverso una riorganizzazione del lavoro dei lavoratori forestali. Una manutenzione siffatta, oltre a garantire una maggiore possibilità di fruizione dell'area da parte anche di turistica, ne andrebbe a migliorare anche le condizioni di sicurezza degli stessi operai che non si troverebbero in primavera inoltrate a manutenzione una situazione aggravata dalla mancata attività di messa in sicurezza dei mesi precedenti. Un pensiero in tal senso va alla famiglia dell'operaio che alcuni mesi fa perse la vita proprio a Monticchio durante i lavori di taglio di un arbusto.

In qualità di consigliere comunale di Atella trovo necessario sollecitare e attenzionare un problema che ha già generato un dramma nella nostra comunità per evitare altri casi drammatici in futuro. Allo stesso tempo una manutenzione costante avrebbe di sicuro risvolti positivi anche in termini di bellezza, fruizione e percorribilità dell'intera area del Parco. Al contento il sottoscritto ne approfitta per elogiare il grande lavoro svolto nell'ultimo anno dai lavoratori anche grazie a una più incisiva organizzazione dell'ente di Bonifica e al neo costituito ente Parco del Vulture a cui ora però chiediamo azioni più mirate”.