Atella (PZ) - La maggioranza Petruzzelli si scompone, Dopo la fuoriuscita di quattro assessori, la maggioranza in consiglio perde due consiglieri: Mesce Maurizio e Telesca Vito Donato. Maurizio Mesce spiega le ragioni di questo “divorzio” dal gruppo “Orgoglio Angioino”: “Dopo mesi di assordante silenzio da parte dell’attuale maggioranza ed in primis del Sindaco, siamo stati costretti a prendere questa decisione di abbandonare la maggioranza del gruppo “Orgoglio Angioino” e di formare un gruppo misto fondato sulla trasparenza, sui valori e sulla democrazia.


Sindaco, Presidente del Consiglio e Consiglieri tutti; premesso che mi sono candidato per amministrare e non per essere amministrato da un metodo di lavoro logorante, che calpesta abusivamente i principi fondamentali della democrazia e del nostro programma elettorale “Orgoglio Angioino”, alla cui redazione ho contribuito con passione ed abnegazione; un elaborato che si è distinto dai normali programmi elettorali, al fine di mettere al primo posto la trasparenza, le regole chiare, la partecipazione, la condivisione delle azioni e l’impegno che si sarebbero dovute mettere in campo per governare seriamente il Paese.

Quel progetto politico, che mi appariva coinvolgente, fondato su valori e principi che vedeva protagonista Atella e i suoi cittadini, ha illuso non solo il sottoscritto, ma come ben noto tutti, anche i quattro validi assessori che Lei Sindaco ha perso per strada, i quali sarebbero stati sicuramente indispensabili per il buon andamento di questa maggioranza. Il modello di lavoro che Lei ha scelto di perseguire non mi appartiene, è un metodo nel quale faccio sempre più fatica a riconoscermi e che, a mio avviso, si è rilevato completamente diverso da quanto promesso in campagna elettorale.

Ho sempre dato il massimo per il perseguimento del programma elettorale, lavorando con caparbietà, attenzione ed ascolto nei confronti della compagine comunale e dei nostri conterranei. Non è mancata la mia autonomia e indipendenza di pensiero, sempre nel rispetto della condivisione dei processi e delle opinioni altrui, e sono davvero contento che i tanti concittadini/elettori abbiano avuto fiducia nella mia persona.

Per circa due anni ho provato ripetutamente a dare il mio contributo alla squadra affinché cambiassero certe cose all’interno del gruppo; purtroppo, devo constatare che ne mancano le condizioni. Vi sono forze e persone i cui preconcetti e livori ostacolavano il mio impegno nel dar voce alle reali esigenze della collettività e l’assenza di un vero leader che possa gestire e ben organizzare le risorse, aggrava ulteriormente questa situazione. Ho deciso, quindi, di seguire un nuovo percorso che vede realmente protagonista il Paese in cui sono cresciuto e in cui cresceranno i nostri figli ai quali vorrei offrire un ambiente dove la coerenza, l’impegno e il sacrificio hanno ancora un valore.

È per questo che ho preso la decisione di sancire un netto distacco dall’attuale maggioranza, chiedendo scusa ai cittadini per come sono andate le cose, e di aderire ad un eventuale “Gruppo Misto”, valutando singolarmente gli atti che mi verranno proposti. Una scelta forte, ma necessaria per non tradire la fiducia di quanti mi hanno sostenuto, che non andrà a scalfire il mio impegno politico ed il mio sogno di offrire un futuro migliore alla nostra comunità, ma sarà un concreto stimolo per il conseguimento del bene di Atella.

Fermo restando questa mia decisione, auguro, in ogni caso, ai restanti del gruppo “Orgoglio Angioino”, ma soprattutto a chi realmente si impegna, un buon lavoro e che possa essere a favore della collettività e del bene comune di Atella”.