Barile-La corsa con gli asinelli con alcuni organizzatori
Barile-La corsa con gli asinelli con alcuni organizzatori
Sponsor

Barile (PZ) – Un successo i due giorni di festa in onore di Sant’Antonio, a cura dell’associazione “Il Giglio”, presieduto da Giovanni Di Palma e Michele Sepe. Un evento piaciuto all’associazione Giochi Antichi. Luogo il rione di San Nicola, dove è stata costruita una chiesa fondata dagli Albanesi. In piena festa i componenti di questa associazione “Giochi Antichi” assistono alla tradizionale gara di corsa con l’uovo nel cucchiaio, praticato da grandi e piccoli. I giochi e le iniziative sono tante e durano tutto il fine settimana dedicato ai festeggiamenti di Sant’Antonio, a cui la comunità arbërëshe di Barile è molto devota.

A parlare in positivo, tutti i componenti di questa associazione: “Le risa e il tifo dei presenti che assistono ai giochi ci accompagnano lungo tutta la giornata di lunedì: sono tante le attività con cui ci si può cimentare come il Palo della Cuccagna o il Tiro alla Fune, ma ad essere amato dal paese è soprattutto il gioco della Pignatta. Un tempo i vasi di terracotta appesi, da rompere rigorosamente bendati con l’utilizzo di un bastone, contenevano generi alimentari e animali vivi, ora sostituiti da cartoncini simbolici che rappresentano i premi: quasi sempre cibo.

Sponsor

Tra i piatti tradizionali che abbiamo assaggiato c’è anche il Tumact me tulez (pronuncia: tumàzzt ma tul – letteralmente: tagliatelle con mollica di pane) che abbiamo gustato con l’Aglianico del Vulture, tra i vini lucani più conosciuti, custodito in cantine che un tempo erano le dimore degli arbërëshe. È stata una bellissima esperienza che ci ha permesso di conoscere più da vicino Barile e la sua cultura: grazie per l’accoglienza a tutta la comunità!”

L’Associazione Giochi Antichi, ricerca, studia e sostiene il gioco tradizionale sul territorio italiano e mondiale. Promuove la valorizzazione e la salvaguardia delle comunità di gioco tradizionale”.

Sponsor
Articolo precedenteA Matera il Premio Mondi Lucani 2022: ecco i nomi dei premiati
Articolo successivoAperto lo spazio “Extra Moenia”, un luogo di unione tra carcere e città di Potenza
Docente presso Ministero della Pubblica Istruzione, giornalista e collaboratore de: Il Quotidiano della Basilicata e di numerosi siti on-line. Vive a Ginestra.