Barile Via crucis una delle cadute di Gesu con il parroco don Davide che laiuta ad alzarsi
Barile Via crucis una delle cadute di Gesu con il parroco don Davide che laiuta ad alzarsi

Barile (PZ) – Barile 7 aprile 2023. Una Via Crucis con la presenza di tanti spettatori, non solo della Basilicata, ma anche dalla vicina Puglia e Campania. Giunti anche da Bologna( vedi 2′ foto). Tanti emigranti della cittadina Arbereshe. A fine evento, il parroco Don Davide, ha ringraziato le Forze dell’Ordine,gli organizzatori della Via Crucis ed i figuranti, per la riuscita dell’ evento. Erano presenti: il Prefetto di Potenza dott. Michele Campanaro, Capo di gabinetto dott Gerardo Quaranta; il capogruppo maggioranza Regione Basilicata Tommaso Coviello, L’ Assessore regionale Donatella Merra, Antonio Murano Sindaco di Barile, Capitano Carmine Manzi C.te Compagnia CC Melfi Luogotenente Giuseppe Ricciato. Cte stazione CC Barile ed i due consiglieri comunali di Barile Botte Giuseppe e Fusco Michele.

Tra i presenti il dott.Pasquale Soda, entusiasta di questa Via Crucis:” Dopo 4 anni di sospensione (quello che non hanno potuto due guerre mondiali é riuscito ad un miserabile virus ed alla stupidità umana) torna la Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo a Barile. Oltre 400 anni di storia, insieme alle radici di un popolo con la sua dignità religiosa e culturale, si riappropriano del ruolo che gli spetta. E noi, di passaggio su questa terra, abbiamo avuto il privilegio di essere testimoni di tutto ciò.

Qui, dove ci ha portato il cuore”. Da Ginestra,presente l’ assessore Alberto Bochicchio: “Ha un fascino particolare, quello della Sacra rappresentazione della “Via Crucis” a Barile. La più antica del sud Italia. Percorrendo i vicoli impervi e suggestivi della Barile di un tempo, in una atmosfera autentica ed austera. Hanno seguitato con trasporto e curiosità, due comunità, di stessa origine arbëreshe di Barile. Presenti infatti tra la folla sopraggiunta, i comuni di Ginestra con il Sindaco Fiorella Pompa con una delegazione di consiglieri e i rappresentanti di San Costantino Albanese: assessore Giovanni Lufrano e consigliere Lazzaro Veneziano.

Il coordinatore del progetto “We are Arbëreshe” Nicola Allegretti con la brava responsabile marketing Vittoria Fonsa. Tutti sono rimasti colpiti con entusiasmo della veridicità dell’evento sacro”.