Federazione Associazioni Lucane in Svizzera
Federazione Associazioni Lucane in Svizzera

Wintertur-CH - Partita una campagna di sensibilizzazione nella seconda metà del 2020 per elevare San Giustino De’ Jacobis a patrone e protettore dei Lucani nel mondo, la Federazione delle Associazioni Lucane in Svizzera si è fatto portavoce e promotore verso le altre Federazioni Lucane nel mondo, per far conoscere e presentare al mondo le gesta e attingere gli insegnamenti di questo piccolo grande uomo nato a San Fele (PZ) Basilicata il 09 ottobre 1800 é morto in Eritrea il 31 luglio 1860.

Per noi promotori una grossa sfida ci attente prima di raggiungere il presente obiettivo presumibilmente entro la prima metà del 2021. Percio` auspichiamo che in questo 2021 la Cittadinanza tutta, residenti in loco e all’estero, la Chiesa, il Consiglio Comunale unito, le Associazioni e l’imprenditoria presente sul territorio, tutti possiamo essere uniti per un unico obiettivo, cioè quello di raggiungere questo grande sogno con determinazione, gioia e entusiasmo, una scommessa al netto di ogni sterile campanilismo.

Dopo l’incontro del 1 Febbraio dei Vescovi delle sei Diocesi Lucane presso la sede del Seminario Maggiore Interdiocesano di Basilicata a Potenza, è sempre più reale e determinato l’impegno anche nel piccolo borgo lucano di San Fele di volere San Giustino De Jacobis patrono e protettore dei lucani nel mondo.

Il lavoro di raccolta di testimonianze di fede e memoria storica e visite di luoghi legati alla vita del Santo è stato affrontato negli scorsi giorni con entusiasmo e vitalità. La Federazione dei Lucani in Svizzera rappresentata dal Suo Presidente Giuseppe Ticchio unitamente al Comitato Pro San Fele in Svizzera ha inteso dare mandato a Enzo Truppo, un noto professionista napoletano che mi è stato presentato dalla consulente Fernanda Ruggiero, di osservare, ascoltare e vivere il piccolo borgo lucano e attingere l’anima del luogo da cui partire per accrescere la sua dimensione spirituale, scandagliando nelle “pieghe” della storia e nella vita quotidiana dei suoi abitanti.

San Giustino De’ Jacobis

Truppo, già direttore artistico e relatore di numerose rassegne fotografiche, ritrattista, fotoreporter urbano, artista della luce e di emozioni senza tempo, per due giorni, ha partecipato alla vita del borgo visitando aziende e passeggiando lungo le stradine silenziose del paese per attingere impressioni e passioni. Ha incontrato giovani e anziani nel rispetto delle regole Covid, ha ascoltato i loro racconti e le loro memorie di vita quotidiana utili per poter formulare in seguito una proposta artistica e di comunicazione visiva.

Il presente lavoro è stato coordinato dalla consulente in progettazione territoriale e nuovi turismi Fernanda Ruggiero nonché Presidente dell’ ODV Associazione La Strada dei Fiori e delle Preghiere di San Fele, che ha colto l’invito di seguire questa prima fase di ricerche. La stessa ha coinvolto diversi Operatori Culturali di Turismo Integrato non soltanto lucani, con lo scopo di sviluppare una concreta idea da promozione in ambito internazionale per il giorno 2 Agosto 2021, data che si vorrebbe dedicare in modo perenne al Santo Patrono San Giustino De Jacobis protettore dei Lucani nel Mondo.

Il sostegno e la co-partecipazione della comunità parrocchiale di Santa Maria della Quercia con il Suo Parroco Don Michele Del Cogliano e dell’Abbazia di Santa Maria di Pierno con Padre Alberto Vecchione e dell’Amministrazione comunale tutta e la ferma volontà del Presidente del Consiglio Regionale e Presidente della CRLM Carmine Cicala ha portato già oggi ottimi risultati con la deliberazione di Santo Protettore da parte di molte Federazioni nel Mondo e in Italia, in attesa dell’auspicabile delibera da parte del Consiglio Regionale della Basilicata.

Tutti i non residenti lucani nel mondo riceveranno presto comunicazioni sulla vita del Santo e i suoi insegnamenti, lo studio della comunicazione visiva dei due professionisti Truppo e Ruggiero servirà per tale scopo, in particolare per favorire il turismo emozionale, relazionale e di ritorno in tutta la regione.
Gli operatori culturali collaboreranno in questa prima fase per raccordare le volontà di tutti con la progettazione di Itinerari di Turismo religioso.

Presto verranno realizzati dei Focus con gli abitanti del piccolo Borgo di San Fele con lo scopo di illustrare l’idea progettuale e l’utilizzo dell’arte della fotografia prescelta unitamente ad altre arti, consentire una maggiore comprensione delle imprese del Santo lucano e tracciare solchi di cultura senza steccati o sovrastrutture incomprensibili.

La volontà corale delle Federazioni de Lucani nel Mondo è quella di diffondere dunque ciò che venne ufficializzato il 9 ottobre 2020 in occasione del 220esimo anno di nascita del santo durante la solenne cerimonia svoltasi a S Fele ovvero il desiderio di elevare San Giustino De’ Jacobis a protettore dei Lucani nel Mondo e poter diffondere azioni culturali internazionali, favorire società multietniche per le generazioni future, in particolare divulgare uguaglianza civile come sogno possibile e da realizzare nei prossimi anni negli Stati dove sono da tempo presenti le Sedi delle Federazioni Lucane.

Per la Federazione delle Associazioni Lucane in Svizzera . Il Presidente Giuseppe Ticchio