Fotografo Ambulante
Fotografo Ambulante
Sponsor

Nasce in contemporanea con la fotografia mandando in pensione in pochi anni i pittori che ritraevano per lo più membri della nobiltà, rappresentanti dell’alta borghesia e personaggi illustri.

Giravano per le fiere di paese, nelle piazze e negli angoli delle strade, nei paesi e giravano con asini e muli portandosi dietro tutto il necessario, dai bagni di sviluppo, ai fondali improvvisati, con dei lenzuoli bianchi. I grandi paesi, come era S.Arcangelo, avevano il loro fotografo ambulante (Attilio Tagliente del quale pare si è perso l’archivio).

Sponsor

Le foto venivano scattata all’aperto e presentavano il lavoro come istantaneo, poiché impiegavano tra i due e cinque minuti a consegnare l’immagine finita e asciugata.
Nel periodo del dopo guerra, con la massiccia emigrazione, ogni famiglia voleva lasciare ai propri cari un ricordo per cui il lavoro era assicurato.

La stragrande maggioranza delle immagini pervenute, quelle su pellicola e non in vetro, ora quasi completamente scomparse, sono anonime, dato che il fotografo non firmava le sue foto considerandole prive di qualsiasi valore a parte quello meramente commerciale.
Riportiamo il ricordo di una famiglia in partenza per L’ARGENTINA, ed una foto ricordo del militare di stanza a Firenze.Macchina fotografica per foto istantanee.

Sponsor
Articolo precedenteLa maggioranza preferisce l’ Anno che verrà ai lavori del consiglio
Articolo successivoGinestra. Festeggiati i 10 anni della consacrazione di Anna Pepice all’Ordo Virginum
Antonio Molfese, specialista in Ostetricia e Ginecologia, Urologia, Igiene e Medicina Preventiva, Medicina Legale e delle Assicurazioni, ha compiuto ricerche presso il Karolinska Institut di Stoccolma, e presso l’Università Cattolica di Roma. È stato Professore a contratto dal 1990 al 1994 presso l’Istituto di Igiene dell’Università di Sassari ed ha insegnato Medicina Navale e delle Piattaforme Petrolifere. Studioso di Storia Regionale, è anche autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di programmi televisivi di educazione sanitaria e collabora in qualità di giornalista con riviste specializzate nel settore dell’igiene e della medicina preventiva. Dirige da XX anni il Centro Regionale Lucano dell’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria, Torre Molfese, Centro Studi sulla Popolazione e per migliorare la condizione dell’anziano in Basilicata- Torre Molfese, San Brancato di Sant’Arcangelo (PZ).