Advertisement
Home Vulture Ginestra. Al Santuario della Madonna di Costantinopoli impartite 12 Cresime dal Vescovo...

Ginestra. Al Santuario della Madonna di Costantinopoli impartite 12 Cresime dal Vescovo Ciro Fanelli

Ginestra-Il Vescovo con gli 11 alunni che hanno ricevuto il sacramento della cresima
Ginestra-Il Vescovo con gli 11 alunni che hanno ricevuto il sacramento della cresima

Ginestra (PZ) – Un 12 giugno, importante per la comunità di ginestra. Nel Santuario della Madonna di Costantinopoli, sono state impartite 11 Cresime dalle mani del Vescovo della Diocesi di Melfi-Rapolla-Venosa, Ciro Fanelli, coadiuvato dal parroco del paese, Padre Cesare Locatelli. Con ” Eccomi”, Giuseppe,Gabriele,Alessandro,Alessia,Irene,Federica,Ivana,Michela,Viola,Elena,Alessia hanno ricevuto il Sacramento della Cresima.

A prepararli la catechista Daniela Pietrafesa, che ha presentato i ragazzi al Vescovo:” e’ con gioia e trepidazione che le presento in qualita’ di catechista il gruppo dei cresimandi a me affidato. Sono ragazzi di scuola media e dei primi 2 anni delle Superiori. Molti di questi ragazzi sono stati ministranti, alcuni lo sono ancora e offrono con amore e sacrificio il loro servizio alla Comunita’. Percio’ le chiedo di ammetterli al Sacramento della Confermazione, consapevole che la fede di ciascuno,si radica nella fede della Chiesa e di questa piccola comunità che con amore continuera’ a pregare per loro .

Il Vescovo Ciro Fanelli nell’ Omelia ha esaltato questo giorno della Santissima Trintà:”Non si può essere cristiani, senza lo Spirito Santo. Solo così si vive la ricchezza del Sacramento. Il gusto di essere cristiani rivela la bellezza delle cose. Solo così assaporiamo il gusto del sapere. Una persona se la lasciamo sola, e’ isolato, la solitudine lo distrugge e per questo muore. La relazione e’ importante. Gesù ci insegna che lo Spirito Santo e’ la guida giusta per il nostro cammino. Lo Spirito Santo e’ l’allenatore della nostra guida. Le relazioni familiari e dei compagni di vita, ci fanno del bene e ci fanno crescere. Devono essere a somiglianza di una vera fraternità.Siamo oggigiorno combattuti da una guerra che non finisce mai, la causa?

Le relazioni che si spezzano! Ecco perché abbiamo bisogno dello Spirito Santo che genera amore. Perché si viene in chiesa, per ammirare il fuoco vivo dello Spirito Santo. Oggi 11 ragazzi ricevono la Cresima, mi auguro e che questo fuoco dello Spirito Santo possa incamminarvi nella gioia”.

Exit mobile version