M5S-Leggieri-Perrino-Giorgetti

Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire: la maggioranza ha bocciato la nostra pregiudiziale sulla cattiva applicazione del regolamento in merito alla convocazione della seduta straordinaria di consiglio Regionale. L’unico aspetto straordinario della seduta odierna è stata la presenza del Presidente Bardi.

Non convincono le tiepide giustificazioni di Cicala, Coviello e Zullino: a nostro avviso l’eventuale approvazione dei quesiti sul referendum abrogativo della quota proporzionale dalla legge elettorale, durante la seduta odierna, è da considerarsi illegittima.

Per questa ragione abbiamo deciso di abbandonare i lavori del consiglio per non assecondare questa forzatura, probabilmente incostituzionale.

La maggioranza di centrodestra  si è genuflessa senza batter ciglio ai voleri di Matteo Salvini. Anche Forza Italia e Fratelli D’Italia si sono accodati alle volontà del Capitano (senza accademia) attraverso due mozioni, il cui scopo appare palesemente cerchiobottista. 

Qualsiasi riferimento all’importanza dell’istituto referendario è puramente strumentale. Un percorso così importante non si può affrontare in maniera così superficiale e frettolosa.

I lucani aprano gli occhi su certi comportamenti: i problemi della regione sono passati in secondo piano rispetto alle strategie politiche dettate da Salvini e Calderoli, quest’ultimo esperto di leggi elettorali incostituzionali (vedasi “Porcellum”).

Gianni Leggieri-Gianni Perrino-Gino Giorgetti

M5S Basilicata - Consiglio Regionale