imparola-covid
imparola-covid

S.Arcangelo (PZ) – Questa è una lettera al DIRETTORE del Giornale QUOTIDIANO SANITA’ che ha pubblicato una nota bene articolata a firma PROF RICCIARDI sulla possibilità che la prima regione ad aprire possa essere la Basilicata.

Da lucano e da medico che da XXV anni segue la regione dal punto di vista socio-sanitario, ho aggiunto una nota a quanto già dettagliatamente illustrato e che sarà inviata alle autorità regionali e al ministro della salute nonché alla stampa.

E’ necessario adottare misure idonee a che la regione apra gradatamente per raggiungere la normalità,ma è necessario che vengano adottate pedissequamente tutte le misure che le autorità regionali e le istituzioni sanitarie hanno deciso di mettere in atto per ripartire.

CE LA FAREMO

La SECONDA FASE 2 o di apertura lockdown,quella che il Governo prevede di avviare a Maggio è molto importante e deve essere affrontata con una buona determinazione per evitare, se non bene gestita, danni alla popolazione.Potrebbe iniziare nelle regioni a più bassa incidenza di contagi,ma devono essere adottate delle regole tassative per evitare ritorni di fiamma molto pericolosi.

1) Vi deve essere un controllo dettagliato del territorio per individuare immediatamente qualche infezione a mezzo dei medici di famiglia ed all’occorrenza di infermieri qualificati e protetti a gestire bene l’evento sul territorio.

2) identificazione precoce dei nuovi focolai o delle reinfezioni che possono insorgere anche con pochi sintomi.

3) tests di conferma(tamponi e test sierologici) tempestivi,isolamento dei nuovi casi,ricerca ed isolamento dei contatti

4) contenimento degli stessi in zone protette per evitare la diffusione e se necessario per la gravità della manifestazione creare una zona rossa,con strutture idonee complete a ricoverare pazienti affetti da COVID

5) In tutto questo sarà necessario utilizzare anche strutture tecnologiche adeguate di telemedicina, idonee a trasferire dati clinici ed esami in tempi rapidi.

E’ necessario anche considerare i rischi di spostamenti (con il supporto di kit tecnologici) tra le regione specie da quelle dove la infezione è stata più accentuata.

Articolo precedenteLucio Del Pezzo e Stigliano nei ricordi dell’artista Dino Ferruzzi
Articolo successivoI sondaggi autopromozionali di Bardi: tra propaganda e amici degli amici
Antonio Molfese, specialista in Ostetricia e Ginecologia, Urologia, Igiene e Medicina Preventiva, Medicina Legale e delle Assicurazioni, ha compiuto ricerche presso il Karolinska Institut di Stoccolma, e presso l’Università Cattolica di Roma. È stato Professore a contratto dal 1990 al 1994 presso l’Istituto di Igiene dell’Università di Sassari ed ha insegnato Medicina Navale e delle Piattaforme Petrolifere. Studioso di Storia Regionale, è anche autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di programmi televisivi di educazione sanitaria e collabora in qualità di giornalista con riviste specializzate nel settore dell’igiene e della medicina preventiva. Dirige da XX anni il Centro Regionale Lucano dell’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria, Torre Molfese, Centro Studi sulla Popolazione e per migliorare la condizione dell’anziano in Basilicata- Torre Molfese, San Brancato di Sant’Arcangelo (PZ).