Lavello-Chiusura del Forentum Archeotour Fest
Lavello-Chiusura del Forentum Archeotour Fest

Lavello (PZ) - Nella cittadina daunia, il Forentum Archeotour Fest, tra le più attive del territorio, organizza un ciclo di eventi estivi organizzati nei pressi delle aree archeologiche che sopravvivono nel tessuto cittadino di Lavello, grazie anche all'Associazione Mac -Movimento di arte e cultura che gestisce il Museo Civico Antiquarium. Il Mac per la riuscita degli eventi, opera in sinergia con le imprese del territorio contando sul contributo di alcuni sponsor ( BCC Gaudiano, Renewables, Tostoi,archeologia e cultura, Buonadonna,Posticchia Sabelli,l’Approdo Sos, Ferramenta Signore,Scaccopacco,Gierre,Gruppo Favullo,Punti di vista fotografico ed acqua Orsini.).

Il Festival stimola l’integrazione tra l’elemento culturale, proprio di una comunità, e l’elemento territoriale in un unicum che permette di valorizzare il patrimonio storico con quello artistico. Attraverso l’adozione di linguaggi artistici differenti si cercherà di restituire vita ai luoghi che appartengono alla memoria storica. Il 6 settembre a Lavello, nella zona archeologica “Gravetta” il Festival si chiuderà con un evento che vedrà gli “ Acustica-Trasposizioni Acustiche nell'Arpa di Viggiano”( composto da M.Duino,L.Bersaglieri,A.Mario De Carlo e M.Massari) accompagnarsi a Danilo Vignola e Giò Di Donna, il più grande sperimentatore al mondo di tecniche ukulelistiche e sonorità mediterranee e il virtuoso percussionista che hanno calcato insieme i più grandi palchi internazionali.

Il concerto al tramonto sarà anticipato da una visita all’area archeologica che permetterà di identificare e riconoscere qual è il contesto storico e culturale in cui si inserisce il complesso di “Gravetta”. Scoperto nel 1990, sull’altura di Gravetta lungo strada di collegamento tra Canosa di Puglia e Lavello, a segnare l’ingresso della cittadina dauna, sopravvive quello che sembra essere un luogo di culto databile al momento successivo all’occupazione romana (III secolo a.C.) che conserva intatta la suggestione di trovarsi “fermo nel tempo” protetto e custodito dai silenziosi uliveti che lo circondano.

La partecipazione è completamente gratuita. Posti limitati: È necessario prenotarsi per permettere di organizzare l’evento in piena sicurezza secondo le nuove normative #anticovid. FB | Forentum Ritrovato - Museo Civico- MAC Movimento di Arte e Cultura. Whatsapp: 331/8727430.