Olimpia-Nardò
Olimpia-Nardò

Matera - Immediato riscatto dell’Olimpia Basket Matera. A tre giorni dalla sconfitta rimediata a Valmontone, nel turno infrasettimanale di campionato valido per la terza giornata di ritorno, la squadra di coach Origlio doma il Nardò per 64-51 e riprende a macinare punti nell’alta classifica, che la vede sempre attestata in seconda posizione in coabitazione con Salerno. E’ stata una gara non spettacolare, ma tattica e spigolosa, dal punteggio basso e accesa sul piano agonistico.

Matera, ancora senza l’infortunato Antrops, ha sofferto in avvio l’aggressività ospite, andando anche sotto di sette, ma mantenendo la lucidità per restare a contatto con gli avversari. Dal terzo quarto è arrivata la svolta. I biancazzurri hanno stretto le maglie in difesa e trovato fluidità in attacco, con Battaglia e Mancini che con i loro punti hanno scavato il solco fino al più 13 (47-34). E nell’ultima frazione, grazie ad una sapiente gestione del risultato hanno portato a casa i due punti.

“Sapevamo di affrontare la squadra con la migliore difesa del girone e ci aspettavamo una gara dal punteggio basso – è il commento di coach Origlio -, Abbiamo faticato un po’ in attacco e ne è uscita una partita brutta con percentuali molto basse: in avvio abbiamo sbagliato qualche scelta e ci siamo un po’ smarriti in fase offensiva. Al rientro dall’intervallo, abbiamo alzato i ritmi in difesa, è stata quella la chiave, che ci ha permesso di realizzare dei canestri in transizione. La squadra ha mostrato carattere in un momento di difficoltà, l’importante è continuare a credere su quello che dobbiamo fare, e noi lo stiamo facendo”.

Se l’assenza di Antrops da un lato ha ridotto le rotazioni, privando la squadra di un importante punto di riferimento, sotto altro aspetto ha dato modo di far spiccare le qualità di Mario Mancini, che non ha fatto assolutamente rimpiangere il gigante di origini lettoni. “Siamo partiti un po’ lentamente, incontrando difficoltà in attacco, poi siamo stati bravi a svoltare con la difesa, grazie a questa intensità abbiamo allungato e chiudere a +13 – commenta un soddisfatto Mancini -. Avevamo bisogno di vincere, in quanto a Valmontone avevamo perso una partita in cui si poteva sicuramente fare meglio. Servivano due punti in casa, e grazie all’apporto dei nostri tifosi, che come sempre sono stati fantastici, ce l’abbiamo fatta”.

Questo il tabellino del match:
Olimpia Basket Matera-Nardò 64-51
MATERA: Panzini 9, Dip 13, Buono 2, Battaglia 18, Staffieri 7, Antonaci 2, Mancini 13, Lopane ne, Antrops ne, Smorto, Centoducati ne. All. Origlio.
NARDO’: Cepic 2, Peroni 10, Azzaro 7, Tyrtyshnyk ne, Coviello 7, Cappelluti Tasti ne, Bjelic 2, Visentin 9, Burini 14, Fiusco. All. Quarta
PARZIALI: 12-16, 24-28, 47-37, 64-51
NOTE: Tiri da tre: Matera 9/28, Nardò 5/20. Tiri liberi: Matera 9/11, Nardò 10/15. Tiri da due: Matera 14/34, Nardò 13/42. Usciti per 5 falli Mancini.