Melfi (PZ) – Lo scorso 5 marzo nella cittadina federiciana si è chiuso il Carnevale con la sfilata di tanti carri allegorici( in evidenza i carri “Scazzamauridd”, “Pizzicandò”, “Grassiere”, la “Regina”, il “Re” il “Giullare” e “L’Armigero”) ,preparati da cartapestai di Putignano, accompagnati da tante scuole ed associazioni. Carri allegorici che da tre anni vengono preparati con temi specifici: il 1^ anno “Scazzamauridd”, il 2^ anno:” il Medioevo”, il 3^ anno, vale a dire quest’anno:” Il Cibo”, il mangiare contornato da prodotti della terra del meltese,salsiccia,vino,castagne,melograno.

L’amministrazione comunale, presente con Raffaele Nigro, ringrazia le tante associazioni che hanno partecipato, insieme alle scuole ed i volontari, ad iniziare da Raffaella Irenze, costruttori maestri Genco di Putignano, giovani alla guida dei trattori, le associazioni” Ronca Battisti”, “Terre di Mezzo” di Foggiano, la C.R.I., Guardie Ecozoofile, l’associazione nazionale Carabinieri, pro-loco, Acli, Aias.

Per quanto riguarda la sicurezza, l’azienda “Viverna” di Melfi, con i suoi associati, ha assicurato durante l’intero percorso.Ad aprire la sfilata i Campanacci di Tricarico, a seguire gli operatori e dipendenti dell’Aias, gli istituti scolastici: “Berardi-Nitti”, “Ferrara-Marottoli”, “Gasparrini”,Caritas, Parrocchia S.Gianna,Scout,”Piccolo Nido e Mamlu’. L’associazione dei Cuochi ha preparato le zeppole. Si è notata la presenza di artisti di strada che con temi medievali, dal mangiafuoco, ai trampolieri e giullari, ha entusiasmato il numeroso pubblico presente.

L’associazione musicale “Città di Melfi” e quello pugliese “ConturBand” hanno animato con note musicali il corteo. La serata si è conclusa con la musica del Dj Rocco Time di Venosa e di A.Croce di Melfi.