Olimpia-Prefetto
Olimpia-Prefetto

Matera - L’Olimpia Basket Matera è stata ospite questa mattina, nella sede del Palazzo del Governo di Matera, del nuovo Prefetto Rinaldo Argentieri. Una visita cordiale e serena, a cui hanno preso parte il presidente Rocco Sassone, la squadra al completo, lo staff tecnico e operativo composto dal team manager Cristiano Grappasonni, dal dirigente accompagnatore Nicola Filazzola, dal responsabile della sicurezza Vito Montemurro e dal medico sociale Paolo Vizziello.

Il massimo dirigente biancazzurro ha illustrato al Prefetto la realtà dell’Olimpia Basket Matera, società che festeggia i sessanta anni dalla sua fondazione, presentando ad uno ad uno i giocatori che compongono il roster. A seguire, il capitano Pasquale Battaglia ha consegnato al Prefetto Argentieri, a nome del club materano, l’iconica maglietta del club personalizzata con il cognome dello stesso Prefetto e il numero 1.
“Siamo contenti e onorati di essere stati ospiti del nuovo prefetto di Matera Argentieri, appassionato e cultore di basket che ci ha assicurato la presenza al PalaSassi domenica prossima per la gara con il Ruvo – evidenzia il presidente Sassone -.

Nel corso dell’incontro abbiamo presentato la nostra realtà al rappresentante del Governo, illustrando i programmi e gli obiettivi sportivi e sociali che ci poniamo. Abbiamo un roster valido e competitivo, che occupa al momento il terzo posto in classifica e che parteciperà dall’ 6 all’8 marzo prossimi alla prestigiosa final eight di Coppa Italia di Ravenna”.


“Da oggi sarà il primo tifoso dell’Olimpia – ha affermato il Prefetto Argentieri – Ringrazio per la maglietta personalizzata e domenica avrò il piacere di vedervi giocare, e speriamo vincere. In una città piccola come Matera, una squadra sportiva rappresenta un bel momento di coesione per una comunità e per la gente, ed oggi di coesione ce n’è tanto bisogno. Voi – ha concluso il Prefetto rivolgendosi ai giocatori -, portando avanti questi colori a testa alta state rappresentando un valore aggiunto anche su questo aspetto sociale”