Palazzo San Gervasio Incontro migranti e studenti di Melfi
Palazzo San Gervasio Incontro migranti e studenti di Melfi
Palazzo San Gervasio-Incontro_migranti-e studenti di Melfi
Palazzo San Gervasio-Incontro_migranti-e studenti di Melfi

Palazzo San Gervasio (PZ) – Venerdì scorso, il Campo di Accoglienza Migranti Lavoratori Stagionali a Palazzo San Gervasio, gestito dalla Croce Rossa Italiana– Comitato Locale del Bradano (Venosa), per conto della Regione Basilicata, ha garantito l’accesso alla scuola media “Berardi” di Melfi, che ha richiesto l’autorizzazione per visitare e rendere visibili le condizioni dei migranti lavoratori, presenti nel centro a confronto con le condizioni di vita dei migranti presenti nelle baracche e nelle tendopoli abusive.

La scolaresca, insieme agli insegnanti ed a due volontari della Caritas, hanno potuto visitare il Campo di Accoglienza Migranti, accompagnati dal personale di turno al campo, che ha garantito il normale svolgimento della visita.

Subito dopo le presentazioni di rito i ragazzi, hanno manifestato le loro curiosità, chiedendo informazioni sul normale svolgimento della vita degli ospiti del campo, anche con domande specifiche sui servizi garantiti.
I volontari della Croce Rossa, hanno spiegato l’iter burocratico per l’accoglienza, partendo dalla registrazione, previa presentazione del permesso di soggiorno e di un valido contratto di lavoro e dei servizi messi a disposizione degli ospiti della struttura.

La curiosità di alcuni studenti, hanno riguardato anche le modalità di accesso alla struttura, verificando l’utilizzo del badge numerico che, registrava l’entrata e l’uscita degli ospiti.
Il personale presente, ha dato riscontro dei servizi docce e bagni, del sistema wi-fi accesso ad internet, i punti cottura che, garantiscono l’autonoma cottura delle proprie pietanze, e la presenza di un punto per la preghiera.

Si è parlato anche dei servizi di assistenza medica, che vengono garantiti agli ospiti del Centro dall’Azienda Sanitaria di Potenza, con il Punto Salute e la guardia medica di Palazzo San Gervasio e del servizio navetta che, sino ai primi giorni di ottobre, con partenza dal centro, su prenotata dai datori di lavoro, portava direttamente i lavoratori sul posto di lavoro, servizio svolto dalla Croce Rossa, con mezzo Cri con l’accordo dell’associazione dei produttori agricoli e sindacati.

Gli studenti molto attenti, sia alle parole che agli sguardi rivolti verso i migranti, salutati con simpatia, che dopo un primo momenti di timidezza, superato con le prime domande, hanno potuto chiedere sempre di più ed appagare la propria curiosità.
Alcune domande specifiche, sono state: “I migranti hanno un sogno per il loro futuro?”.

“A fine mese chiudete il campo e chi non sa dove andare cosa fa?”. “ E’ tutto diverso da come li vediamo in televisione”. “Non sentono la nostalgia delle loro famiglia?”. “ Se voi chiudete e tornano nel ghetto si torna come prima”. E tante altre domande….

La risposta del personale volontario della Croce Rossa: “noi siamo della Croce Rossa ed operiamo con i mezzi che ci mettono a disposizione e facciamo sacrifici per fare funzionare il tutto”. Non è bastata agli studenti che, hanno ribadito che si può fare di più, per persone che vogliono integrarsi e hanno tanta voglia di lavorare. Una lezione di vita dai ragazzi di scuola media….Beradi di Melfi.