autocostruzione
Sponsor

POTENZA – Una festa di quartiere aperta a tutta la cittadinanza per inaugurare un nuovo luogo di socialità a Potenza, in un’area in precedenza inutilizzata all’esterno del carcere di Potenza e a ridosso del Rione Betlemme, che oggi si trasforma grazie al lavoro con la comunità cittadina in uno spazio di rigenerazione urbana e sociale. È quello che accadrà giovedì 16 giugno in via San Vincenzo de’ Paoli, a conclusione del percorso di “Extra Moenia – Spazio di connessione territoriale”, progetto vincitore dell’avviso pubblico Creative Living Lab – 3 edizione promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, ideato da Compagnia teatrale Petra insieme alla Casa Circondariale “Antonio Santoro” di Potenza e a Officine Officinali APS e con il patrocinio del Comune di Potenza.

L’inaugurazione dello spazio di “Extra Moenia” si svolgerà a partire dal tardo pomeriggio del 16 giugno, dalle ore 18.30 alle ore 21. All’evento interverranno tutti i partner di progetto, che in apertura presenteranno il cammino di “Extra Moenia”, e rappresentanti delle istituzioni. Saranno proiettati i video di racconto delle diverse fasi del progetto e filmati di repertorio dei laboratori teatrali svolti in carcere dalla Compagnia teatrale Petra negli anni scorsi. Durante la serata, nello spazio rigenerato saranno esposti i prodotti dell’associazione Officine Officinali e le produzioni dei detenuti della Casa Circondariale.

Sponsor

Quella del 16 giugno sarà una vera e propria festa, che concluderà il percorso condiviso con cittadini e comunità con la consegna dello spazio alla città, per aprire una nuova fase che prevede un modello di gestione e fruibilità dello stesso. Saranno la Casa Circondariale, gli operatori e i cittadini a definire insieme un vademecum per l’utilizzo dello spazio.Per accedere all’evento è necessario inviare un’e-mail a info@compagniateatralepetra.com, entro e non oltre il 13 giugno, indicando nome, cognome, luogo e data di nascita e allegando un documento di identità per il disbrigo delle pratiche di accesso.

Il lavoro di “Extra Moenia” con i cittadini è partito a fine aprile con i laboratori di comunità, guidati dalla formatrice teatrale Antonella Iallorenzi e dal tecnologo alimentare Daniele Gioia, che hanno permesso di stimolare la creatività attraverso il linguaggio teatrale, l’analisi dell’economia circolare e il riciclo delle materie. Gli incontri sono serviti per individuare i possibili utilizzi del luogo oggetto dell’intervento di rigenerazione e immaginare le diverse modalità di gestione utili a offrire servizi all’intera comunità.

Nella seconda fase, attraverso i workshop di comunità coordinati dagli architetti progettisti Giorgia Botonico e Lia Teresa Zanda, dall’illuminotecnico e scenotecnico teatrale Angelo Piccinni e dagli operatori della Casa Circondariale di Potenza, si è passati alla progettazione partecipata dello spazio da rigenerare e degli elementi di arredo e di fruizione da collocare al suo interno.

Nell’ultima fase del progetto, ancora in corso, cittadini, associazioni, studenti e detenuti sono impegnati nei laboratori di autocostruzione, per trasformare in manufatti gli schizzi e i disegni prodotti nei workshop di comunità, grazie anche a un’opera di recupero dei materiali di scarto e inutilizzati in possesso della Casa Circondariale.

Sponsor
Articolo precedenteGinestra. Oraziana. Dopo tre mesi, tutto tace
Articolo successivoChiuso l’anno de La Klass, il laboratorio di ricerca scenica di Gommalacca Teatro
Ha collaborato negli anni 80 con alcuni quotidiani modenesi giornalista e responsabile della pubblicità della cooperativa Editoriale Emilia, appassionato di informatica fonda il sito Lucani in Europa nel 2005. Vive a Castelfranco Emilia ma nato a Stigliano (MT).