Rionero in Vulture-Intervento di Franco Perillo presidente club Unesco del Vulture
Rionero in Vulture-Intervento di Franco Perillo presidente club Unesco del Vulture

Rionero in Vulture (PZ) – Un 24 novembre interessante per il Vulture-Melfese. Al Centro Sociale ” Pasquale Sacco” si è tenuto un incontro dal titolo: “Monte Vulture, un sito Unesco nel Parco. Promoviamo i Laghi di Monticchio nel mondo con la candidatura a patrimonio dell’Unesco. Iniziativa promossa dal dipartimento Ambiente e Energia della Regione Basilicata, del Parco del Vulture e del Club Vulture per l’ Unesco.

Molte le persone presenti, tra cui quasi tutti i sindaci dell’area e amministratori del parco del vulture( il presidente Ricciardi assente per un incontro a livello nazionale sui parchi), il presidente del club Vulture per l’Unesco Franco Perillo, l’assessore regionale All’ambiente Pietrantuono, i consiglieri regionali Aurelio Pace e Franco Mollica. A moderare gli interventi Nicola Giansanti che ha elogiato l’iniziativa “I luoghi del Cuore Fai, ringraziando i volontari ed invitando al voto entro il 30 novembre prossimo.

Tra gli interventi il presidente del Club Vulture Franco Perillo che ha illustrato come avverrà la candidatura,.Il Sindaco di Rionero Di Toro ha ringraziato l’assessore Pietrantuono di aver dato inizio alla realizzazione del Parco del Vulture, parlando di tutte le problematiche degli amministratori che hanno aderito al parco, che hanno dovuto affrontare negli ultimi 10 anni. Poi la parola al prof. Spicciarelli dell’università degli studi di Basilicata che ha parlato di Monticchio e del Vulture, della flora e la fauna, la sua biodiversità, la fama internazionale avuta grazie a studiosi e scienziati provenienti da tutto il mondo nel fermento turistico avuto negli anni ’60.Il prof.Spicciariello si e’ avvalso della proiezione di una serie di slide. L’intervento di Donato Ramunno ha elogiato questa iniziativa e soprattutto il Museo di Storia Naturale, all’interno dell’Abbazia, visitato ogni anno da turisti da tutto il mondo.

Erano presenti anche associazioni, Wwf, Ceas del Vulture, “ U uattenniere” di San Fele, tra queste “Torymus” con Angela Caselle di Barile, una delle organizzatrici di Cantinando Wine & Art che ha avuto parole di elogio per questa iniziativa: “ ho avuto l’idea di un senso di una vera comunità che si unisce ognuno con le proprie competenze, idee e passioni per creare opportunità per le presenti e future generazioni, per valorizzare, dopo anni di incuria, Monticchio e farlo ritornare a risplendere”. Dopo i tanti interventi, si d’ deciso di costituire un comitato per il parco del Vulture e per redigere il dossier di candidatura a patrimonio Unesco del Monte Vulture.Occorrono due anni per realizzare tutto questo programma sotto il titolo di: “Man and the Biosphere”.