Rionero in Vulture Il fontanino di Barile con alcuni operatori
Rionero in Vulture Il fontanino di Barile con alcuni operatori

Rionero in Vulture (PZ) – A volte non ci vuole niente per adornare il muro di una fontana. Quello realizzato nel territorio di Rionero in Vulture è da immortalare.In una decina di giorni,è stato abbellito il muro del fontanino di Barile con dei murales e poesie. Una idea di Giovanni Chieppa di Rionero in Vulture. In tanti hanno contribuito gratuitamente, ecco i nomi: Salvatore Malvasi, Donato d’Anella, Colangelo Antonio, Colangelo Giovanni, AngelaRrosa Nigro, Carmela Scatorchia, Rosa Carnevale, Angela Caselle, Ernesto Grieco.

”Un ringraziamento di cuore-riferisce l’ideatore di questa idea, Giovanni Chieppa- va al maestro Salvatore Malvasi , abita a Barile,un grande artista ed una persona di cuore. Grazie Salvatore per tutto quello che hai fatto donando i tuoi dipinti alle comunità di Rionero e di Barile. Abbiamo vissuto, tutti, una bellissima esperienza culturale e di amicizia. Nella vita queste esperienze collettive sono utili perché stimolano l’amicizia e rafforzano la propensione a migliorare l’ambiente in cui ciascuno vive a tutela del bene comune.

Ha dato il suo contributo volontario Giovanni Colangelo,rionerese doc che abita a Crema ,vicino Milano ,maestro in aereografia e che ha disteso il trasparente per proteggere i dipinti. Grazie da parte di tutti. Spero solo che ciascuno rispetti il monumento perché è una parte della nostra storia. Per me è stata una bellissima esperienza umana e culturale. Si ringrazia la Ditta Angolo Verde per la fornitura delle piante. Ringrazio di cuore il team che ha realizzato la riqualificazione gratuita del Fontanino di Barile. Grazie a tutti.

La forza di volontà e l’unità hanno il potere di favorire l’amicizia tra le persone e di rinvigorire il senso di appartenenza ad una comunità. Grazie.Senza di loro non avrei raggiunto l’obiettivo. Ernesto Grieco ed Angela Rosa Nigro, poeti specializzati in vernacolo rionerese hanno scritto, ciascuno, due poesie donate al Comune di Rionero. Il volontariato aiuta a stare insieme, stimola la solidarietà e rafforza il senso di appartenenza ad una comunità. Sono contento di aver fatto insieme a tanti amici questo tipo di esperienza collettiva e culturale”.