A cominciare dal fatto che bisogna prendere atto del totale fallimento della pseudo riforma voluta con forza da Pittella e dai suoi fedelissimi ai vertici del sistema sanitario regionale. Basta ricordare la vertenza dei lavoratori dell’ASM alle prese con una amministrazione sorda.

Comunicato Stampa Fials Basilicata


La Segreteria Regionale della Fials e le Segreterie Provinciali di Potenza e Matera augurano buon Lavoro a Vito Bardi.
La Sanità Lucana versa in gravi condizioni e rappresenta sicuramente un terreno importante per attuare quella politica di radicale cambiamento annunciata dal nuovo presidente della Regione Basilicata. A cominciare dal fatto che bisogna prendere atto del totale fallimento della pseudo riforma voluta con forza da Pittella e dai suoi fedelissimi ai vertici del sistema sanitario regionale.

Basta ricordare la vertenza dei lavoratori dell’ASM alle prese con una amministrazione sorda. Al vertice aziendale preme solo salvare la faccia verso il Ministero dell’Economia e della Finanza senza considerare le ricadute sui lavoratori e sulle loro famiglie: sulla base dei compensi ricevuti i lavoratori hanno pagato più tasse, qualcuno ha perso benefici o ha visto aumentare il costo dei servizi perché è cambiata la fascia Isee. Perciò oggi è assurdo pretendere la restituzione e la Fials chiede un intervento urgente e un segnale chiaro per evitare altre manifestazioni di protesta.

“La Segreteria Fials Matera – ricorda Gianni Sciannarella – insieme alla FSI ha chiesto qualche giorno fa la rimozione immediata di tutta la direzione strategica dell’ASM. I tanti problemi che non trovano risposta – a volte perché neanche la cercano – rende necessaria una rifondazione totale di tutto il sistema sanitario regionale”.

Per il Segretario di Potenza Giuseppe Costanzo “la Sanità della Provincia versa in condizioni certamente non facili. Basti pensare all’annosa questione della sanità privata. All’Aias di Potenza sono in atto dei licenziamenti perché le inadempienze di Regione e Asp hanno incancrenito una crisi che poteva essere affrontata e risolta semplicemente onorando gli impegni presi dalle istituzioni con la Onlus.

Altrettanto grave la situazione della Clinica Luccioni, per la totale mancanza di risposte. Nella Sanità Pubblica l’annosa Carenza di Personale produce ormai situazioni di stress insopportabili per centinaia di lavoratori demansionati e sottoposti a carichi di lavoro esorbitanti. Una particolare attenzione va poi dedicata alle le forti criticità nell’ambito del Dipartimento Emergenza Urgenza per quanto concerne la sicurezza e la tutela dei lavoratori.

La Segretaria Regionale della Fials, Luciana Bellitti, auspica una nuova stagione di confronto e di relazioni sindacali: “La Regione deve aprire il tavolo di contrattazione previsti dal contratto Nazionale del comparto. A distanza di mesi e nonostante continue sollecitazioni, non si è mai provveduto a convocare le organizzazioni sindacali. Nel rinnovare gli auguri e con l’obiettivo di garantire il diritto alla salute dei cittadini della nostra bella Regione ribadisco la necessità di una stagione di confronto e rilancio della Sanità lucana”.