GID
GID

Matera - La “Giornata Internazionale della danza 2020” è una festa che accomuna tutti i danzatori, professionisti e non, di tutti i paesi con l’obiettivo di celebrare la loro passione più grande, la danza! In questo periodo speciale, non siamo riusciti ad essere fisicamente vicino ai nostri amanti e amatori della danza, come a tutta quella fascia di cittadini che ormai è abituata a seguire ogni nostro evento. Per questo non ci siamo lasciati abbattere! La passione per il nostro lavoro ha prevalso su tutto e abbiamo deciso di utilizzare il Live Facebook per entrare nelle case di ognuno di loro e regalarli informazioni utili alla nostra ma soprattutto alla loro crescita culturale nei confronti della magnifica disciplina della danza.

Siamo orgogliosi di aver raggiunto ottimi risultati e di esserci fatti forza l’un l’altro per festeggiare questo meraviglioso evento che sosteniamo da ormai quattro anni nonostante questo periodo di lockdown, per due motivi fondamentali; il primo motivo è essere riusciti a distogliere il pensiero dal “sentirci abbandonati” dalle istituzioni come associazione sportiva, come danzatori professionisti e soprattutto come comunità che lavora e ha lavorato tanto per lo sviluppo culturale del territorio. Tutta questa situazione ci ha colpito economicamente ma ancor di più, sarà l’offerta Culturale a subirne gravi conseguenze, rischiamo di vivere un intero anno senza produzioni se non si andrà a snellire e a facilitare le pratiche burocratiche/costi per lo spettacolo.

Il secondo motivo è essere riusciti a fornire agli spettatori quei principi fondamentali e sani sul settore della danza che da sempre sono i pilastri delle nostre iniziative. Oggi abbiamo rilanciato la Danza non solo come attività sportiva, ma come elemento fondamentale per ogni individuo, per la sua crescita psico-fisica e per il benessere che il movimento porta nella nostra sfera sociale ed emotiva.

Hanno Partecipato alla diretta, rigorosamente al femminile, esperte in psicologia, musicoterapia, nutrizione e Danza: “L’idea è nata con un obiettivo ben preciso” , le parole della coreografa Rossella Iacovone, “accrescere il bagaglio culturale degli spettatori in relazione ai vari aspetti e benefici della danza uniti allo stile di vita di ogni persona, senza tralasciare la nostra crescita professionale che è fondamentale per la formazione sia nostra che di tutti gli amanti della danza. Ognuno di noi ha avuto modi e tempi diversi per confrontarsi con la danza; mettere a confronto tante storie di vita ma anche svariati ambiti di studi, è stato questo il punto di partenza che ha strutturato tutto il dibattito”.
Il video ha raggiunto in pochi minuti più di 2000 contatti e gli spettatori hanno potuto interagire durante la diretta, ponendo ai professionisti domande e curiosità in relazione al rapporto con il movimento, al benessere psico-fisico, ai benefici della danza e alla crescita della fiducia sia propria che per quella dei propri figli.

“E’ stato un modo per sentirci vicini alle famiglie e alle persone che seguono costantemente i nostri eventi culturali, incentivando l’attività sportiva in tutte le fasce di età. Citando una frase della Dott.essa Maria R.Salvatore"La Danza permette la condivisione e la crescita sociale fra tutte le fasce di età, anche negli anziani" Una formazione e un allenamento corretto, uniti a una sana alimentazione insegnano a prendere consapevolezza del proprio corpo al di la delle misure. Se non abituiamo lo sportivo amatoriale o il danzatore professionista, ad avere fiducia in se stessi e a sentirsi in pace con il proprio corpo e la propria mente, è facile crollare alla prima difficoltà, calcolando anche il periodo non facile che stiamo vivendo.” Conclude la coreografa Rossella Iacovone

Ringraziamo tutti coloro che hanno preso parte all’iniziativa e ai relatori, la Dott.ssa Maria Rosaria Salvatore, psicologa e psicoterapeuta,la Dott.ssa Flavia Matacchiera , biologa e nutrizionista, la Dott.ssa Francesca Rutigliano , psicologa, psicoterapeuta e musicoterapeuta e Lucia Loizzo, educatrice musicale oltre a Rossella Iacovone, Serena Di Lecce e Adriana Cordero in qualità di esperte del settore e organizzatrici.