Venosa-Premiazione al Quinto Orazio Flacco
Venosa-Premiazione al Quinto Orazio Flacco
Sponsor

Venosa (PZ) – Gli alunni del Liceo Classico “Quinto Orazio Flacco” e del Certamen Horatianum di Venosa, presieduta dalla dirigente scolastico Mimma Carlomagno ( ha molto apprezzato questo lavoro di adozione dei monumenti), hanno partecipato al 7’ concorso nazionale “MonumentAMOci, conquistando una meritata medaglia d’Argento.

Hanno presentato un proprio lavoro di “adozione” di un bene archeologico venosino, non solo,anche all’insegna dell’ecologia è stata scelta “l’acqua” vale a dire l’acquedotto romano e la rete idrica antica. E’ stato un viaggio tra i monumenti adottati, sentinelle della bellezza della nostra Italia. A dare notizie più dettagliate i Docenti per l’impegno profuso in questo viaggio dei monumenti: “ Gli studenti hanno preparato un video in cui si evince il vero significato dell’adozione e del sentimento di appropriazione del bene, prendendosene cura.

Sponsor

Molto apprezzato l’elemento di novità: la scelta di un monumento poco noto. Un’avventura da vivere insieme, fuori dalle mura scolastiche. L ’acquedotto venosino, non pervenuto integro, e la rete idrica hanno avuto un’importanza notevole nello sviluppo della Basilicata in età romana, per fini potabili ma anche per il funzionamento di stabilimenti termali e opere idrauliche (fontane). Tra i siti più antichi c’è quello di Venosa.

Attraverso lo studio del monumento si è voluto far conoscere e “scoprire” il patrimonio e la storia della propria città; le tracce dell’acquedotto sono state rinvenute durante il cantiere per la realizzazione della stessa Scuola “Quinto Orazio Flacco”.

Sponsor
Articolo precedenteTeatro Oltre i Limiti: appuntamento in carcere con l’artista Manfredi Perego
Articolo successivoVenosa. Cine-Teatro Lovaglio. Ha preso il via la 161.ma rassegna cinematografica “INVITI AUTUNNALI ”
Docente presso Ministero della Pubblica Istruzione, giornalista e collaboratore de: Il Quotidiano della Basilicata e di numerosi siti on-line. Vive a Ginestra.