Giovanni Caccamo e Franco Battiato
Giovanni Caccamo e Franco Battiato (foto dal Profilo facebook di Giovanni Caccamo)

Venosa (PZ) – Ospite del 33^ Certamen Horatianum nella cittadina oraziana, il cantautore Giovanni Caccamo, che incontrerà i giovani studenti provenienti da ogni parte d’Italia al cine-teatro Lovaglio alle ore 21,00 di martedì 16 aprile in un incontro dal titolo: “Musica e Parole”. Un evento organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Venosa, nella persona di Carmela Sinisi.

Ad introdurre Giovanni Caccamo ci sarà l’orchestra per Archi del Liceo musicale “Quinto Orazio Flacco” diretta dal prof. Francesco Lisena, che alcuni giorni fa, ha vinto in Lombardia, a Stradella (Pv), ad un concorso internazionale di musica, il primo premio,eseguendo l’ouverture “Le Ebridi- la grotta diFingal” opera 26 di Felix Mendelssohn Bartoldy in una versione integrale per archi a cura del M° Lisena. Giovanni Caccamo nasce a Modica, in Sicilia, l’8 dicembre del 1980 e della Sicilia ha tanto, i colori, il calore, l’aria barocca e al tempo stesso così profumata.

Giovanni Caccamo e Franco Battiato
Giovanni Caccamo e Franco Battiato (foto dal profilo facebook di Giovanni Caccamo)

Scoperto da Battiato, Giovanni Caccamo, scartato alle selezioni di XFactor nel 2011 e dopo qualche esperienza televisiva e al fianco di Franco Battiato, debutta a Sanremo nel 2015 nella categoria Giovani vincendo con la canzone Ritornerò da te per poi tornare all’Ariston l’anno dopo, Sanremo 2016, tra i big, e salendo sul palco insieme a Deborah Iurato. Via da qui quell’anno arriva terza e per Giovanni Caccamo e Deborah Iurato è una grande soddisfazione.

Il giovane cantautore siciliano prende il volo e non ce ne sarà più per nessuno. A 27 anni Giovanni Caccamo a Sanremo 2018 prova a raccontarci il suo concetto di Eterno. Coraggioso no? Ci sono canzoni che quando le sentiamo avvertiamo non essere cantate dalla persona giusta o quanto meno al momento giusto. Ci sono canzoni in cui il vissuto di chi canta è fondamentale per raccontare la vera storia della canzone e a poco serve, o quanto meno non è abbastanza, la capacità interpretativa del cantante. A 27 anni Giovanni Caccamo a Sanremo canta di Eterno, parla di eterno e ha scritto di eterno, di cui è l’autore insieme a Cheope, cioè Alfredo Rapetti, il figlio di Mogol.

E alla fine coraggioso o meno, sarà l’universalità del concetto, sarà che sarà sì del 1990, ma in questi 27 anni è evidente che Giovanni Caccamo ha tenuto occhi sbarrati e cuore aperto, sarà che si è scelto un compagno d’avventura che è cresciuto a pane e parole, il risultato è credibile, vero e straziante. Eterno è un sogno, Eterno è l’amore, Eterno è quello che tutti vorremmo e che forse non esiste. A Sanremo e non.

Articolo precedenteVenosa. Al via il 33^ Certamen Horatianum con la prova del Latino
Articolo successivoMatera: ultimi giorni per la mostra #Woman di Sante Muro
Docente presso Ministero della Pubblica Istruzione, giornalista e collaboratore de: Il Quotidiano della Basilicata e di numerosi siti on-line. Vive a Ginestra.