Venosa-Raffaele Minutiello impegnato in una gara in montagna
Venosa-Raffaele Minutiello impegnato in una gara in montagna
Venosa-Raffaele Minutiello impegnato in una gara in montagna
Venosa-Raffaele Minutiello impegnato in una gara in montagna

Venosa (PZ) – Bella iniziativa di un appassionato di bicicletta della cittadina oraziana. Raffaele Minutiello, dopo aver partecipato a tante corse in mountain bike o bici da strada con vittorie ed anche sconfitte, ha deciso per fine luglio di correre da solo per vincere una scommessa, salire un tratto di strada per 20 ore consecutive, superando gli oltre 8 mila metri di dislivello. A dare altri ragguagli è lo stesso Raffaele: “Mi chiamo Raffaele Minutiello, sono un poliziotto, con una grande passione, quella della bicicletta. Che sia mountain bike o bici da strada, questo fa poca differenza.

Un giorno per caso, sono venuto a conoscenza del fatto che vi erano dei ciclisti che scalavano il monte Everest in bici. La cosa, mi ha incuriosito parecchio e soprattutto mi sono chiesto come fosse possibile scalare la montagna più alta a bordo di una bici. È così che ho scoperto l’esistenza dell ‘ EVERESTING .

Chiaramente esiste una versione italiana, detta Everisting Italia. Questa prova, consiste nel percorrere un tratto di salita, consecutivamente, avanti ed indietro, fino a raggiungere 8849 metri di dislivello. La mia “prova”, si terrà su una strada provinciale detta “Cerentina”, che porta dal comune di Maschito a Forenza. La stessa inizierà il pomeriggio del 27 Luglio intorno alle 17:00 circa e terminerà intorno alle ore 12:00 di sabato 28 Luglio, naturalmente compresa la notte.

Ho voluto che la mia prova fosse legata ad un evento di beneficenza, che andrà devoluto a favore di un mio amico ciclista, il quale dopo un grosso infortunio in bici, ha riportato gravissime lesioni ad un arto. Pertanto vorrei raccogliere dei fondi invogliando la gente a prendere una bici e farsi almeno una salita con me. Al termine della salita sarà posizionato un salvadanaio dove sarà possibile fare un’offerta non vincolata sicuramente dalle salite fatte.

Come già detto, il ricavato sarà devoluto interamente a questo mio amico che per ovvi motivi rimarrà “sconosciuto “ per dargli la possibilità di recarsi in un centro specializzato, con la speranza che possa ritornare a fare una vita”normale”.

Articolo precedenteDomani su Sky la trasmissione “Alessandro Borghese 4 Ristoranti” girata sul Pollino in collaborazione con APT Basilicata
Articolo successivoMATERA 2019: LUNEDI’ 30 LUGLIO NUOVA MISSIONE DEL MINISTRO LEZZI
Docente presso Ministero della Pubblica Istruzione, giornalista e collaboratore de: Il Quotidiano della Basilicata e di numerosi siti on-line. Vive a Ginestra.