Venosa-Festa della castagna
Venosa-Festa della castagna
Venosa-Festa della castagna
Venosa-Festa della castagna

Venosa (PZ) - Tra gli eventi di fine anno nella cittadina oraziana si è svolto un pomeriggio all’insegna del buon umore, del buon cibo, della buona musica e tanto divertimento per gli anziani ospiti dei Gruppi Appartamento per la terza età e l’Alzheimer e per i loro familiari e amici è stato organizzato dalla coop.soc. Il filo di Arianna Venosa anche per questa autunno.

La festa , giunta alla sua II edizione, ha visto il coinvolgimento delle associazioni locali VIP Clown e A.V.O, del gruppo musicale di Melfi i “Musicadipendenti”, oltre alla numerosa partecipazione di cittadini e familiari. Alcuni operatori per l’occasione hanno allestito una braceria nel giardino dei Gruppi Appartamento, dove hanno arrostito castagne e salsiccia, il tutto innaffiato dal vino novello, come in una vera sagra che si rispetti.

“Se i nostri anziani non possono più prendere parte alle sagre che durante l’autunno vengono realizzate sul territorio-riferisce la dott.ssa Giusy Conte, responsabile della struttura- allora è la sagra che va da loro, facendogli vivere emozioni e ricordi di una volta.

Spesso il pregiudizio che accompagna la malattia, induce a pensare, che questi anziani non abbiano più voglia di divertirsi, di stare in compagnia e di godere di piaceri semplici come la musica o il buon cibo, come qualsiasi altro essere umano. Siamo spesso convinti che isolarli dal resto del mondo, tenendoli in una campana di vetro, sia il modo migliore per affrontare la malattia. Il filo di Arianna , attraverso le iniziative aperte alla comunità come quest’ultima, cerca di sfatare falsi miti e abbattere barriere e pregiudizi.

I malati di Alzheimer, così come gli anziani in generale, hanno bisogno di mantenere i contatti con la comunità da cui provengono. Se la relazione è la migliore cura e la comunicazione il cuore della terapia, allora ben vengano tutte le iniziative tese a favorire il loro benessere. Porte aperte dunque ai volontari, alle associazioni locali,ai semplici cittadini che anche questa volta hanno voluto regalare un sorriso ai nostri anziani, condividendo con loro un pomeriggio “speciale”.