Maschito-Benedizione e scoprimento della statua di Skanderbeg
Maschito-Benedizione e scoprimento della statua di Skanderbeg

Bologna - L’Associazione Skanderbeg di Bologna ricorda l’impegno civile generoso dell’Avv. Giuseppe Antonio Maria Baffa, l’ammirevole dedizione professionale espressa nella difesa delle vittime e sopravvissuti dell’affondamento della Katër i Radës nella Strage al largo di Otranto, del Venerdì Santo del 1997; la dedizione verso la Sua gente rappresenta la testimonianza più grande che egli seppe dare dei valori più nobili della cultura arbëreshë di provenienza. La sua figura, quindi è entrata nella nostra memoria. Alcune iniziative saranno organizzate per ricordare il 20° anniversario della scomparsa dell’“Avvocato degli albanesi”:

Il 25 gennaio 2020 alle ore 11.30 Il Comune di San Demetrio Corone alla presenza del Sindaco, Salvatore Lamirata, scoprirà una targa in marmo posta sulla casa natale dell’Avvocato G. A. M. Baffa;
Il 30 gennaio 2020 alle ore 15.30 nel Comune di Civita, presente il Sindaco Alessandro Tocci si intesterà la Sala Etnografica all’Avvocato G. A. M. Baffa; in questa occasione il Museo sarà arricchito di altri 28 manufatti giunti da Bologna ed in oltre sarà collocato in mostra permanente un prezioso costume arbëreshë dell’800 di proprietà di Eloisa Baffa, sorella dell’avvocato.

Un’altra targa che sarà collocata all’interno dell’abitazione natale dalla famiglia, dagli amici e dalla scrivente Associazione Bolognese, cosi riporta:‘ Gjàku i shprishur su harrùa ‘.

Le numerose iniziative organizzate negli ultimi lustri per rammendare gli strappi alla memoria dei popoli arbëreshë, italiano ed albanese sui tragici fatti, costituiscono un motivo di orgoglio per noi perché di quella memoria abbiamo saputo fare dono, riscoprendo il valore profondo della fratellanza, affiancandoci al dolore di chi è rimasto. Ecco perché ricordare è un dovere ed insieme un dono prezioso che ha permesso a tanti di ritrovare il senso di appartenenza ad una antica comunità e la partecipazione affettiva al suo secolare travaglio.

Bologna, 20 gennaio 2020 Associazione Skanderbeg di Bologna